L'arte è amore... l'amore è un dono di Dio...

 

 

 

 

 

Monumento ai Caduti del Mare - 1977

Voluta da tutti i pescaresi che, tramite un apposito comitato, ne hanno promossa la realizzazione, Ŕ il segno del ricordo incancellabile e dell'onore che viene reso a quanti si immolarono nel mare, con coraggio, sacrificio e amore, nell'adempimento del quotidiano dovere del lavoro.

Il monumento, alto complessivamente metri 4,40, si presenta come un tronco di piramide, poggiato sulla base minore, in granito di altissima resistenza sul quale si erge la statua bronzea del marinaio in atto di gettare in mare un ancora.

Particolarmente efficace la figura del marinaio, veramente espressiva nel suo gesto che simboleggia uno slancio di generoso aiuto (l'ancora di salvezza) verso i fratelli scomparsi tra i flutti i cui nomi sono riportati alla base della piramide unitamente ai versi.

"Invisibili ma presenti navigano ancora nell'immensitÓ del nostro oceano d'amore"

Alla cerimonia hanno presenziato il Prefetto della provincia di Pescara, le massime autoritÓ religiose, civili e militati, della Regione, della Provincia, del Comune; il Capo di Gabinetto del Ministero della Marina Mercantile, i rappresentanti del Comando Generale delle Capitanerie di Porto e della Direzione Militare Marittima di Ancona.

La Bandiera della Marina Mercantile, decorata di Medaglia d'Oro al Valor Militare, Ŕ stata scortata da tre ufficiali imbarcati sulla motonave "Tiziano" della SocietÓ Adriatica di Navigazione.

A coronamento della significativa giornata sono state consegnate delle medaglie e degli attestati ai marittimi meritevoli.